RECENSIONE IL DONO DI IRENE CATOCCI

Bentrovate pinkfriends!

Oggi vi parlerò e vi farò conoscere l’opera di esordio di una mia conterranea. Lei è Irene Catocci e il libro che vi presenterò è IL DONO. Irene ha deciso di entrare nel mondo del self publishing senza compromessi e senza, soprattutto, seguire o farsi influenzare dalle logiche del mercato editoriale attuale. La storia che ha deciso di raccontarci, affronta delle tematiche che, purtroppo, ad oggi, si cercano di nascondere sotto il tappeto proprio come si fa con la polvere. La giovane autrice toscana, invece, con molto tatto, leggerezza e, perché no, coraggio, con Il Dono ha osato ed è arrivata dove tanti altri non hanno avuto l’ardire e quel pizzico di incoscienza di osare. Questo è Il Dono: una finestra spalancata su una storia d’amore “diversa” eppure così uguale a tante altre.

TRAMA

Cassandra è una ragazza emotivamente bulimica, tiene a distanza per paura di soffrire, di essere abbandonata nuovamente.

La sua vita è in stallo, ferma a dieci anni prima, quando in un incidente stradale perdono la vita i suoi genitori.

Da quel momento, tutta la sua vita è cambiata, l’età dell’innocenza è stata strappata via, al suo posto ne è rimasto solo un guscio vuoto. Il suo unico amico è Damiano, ed insieme lavorano in un maneggio a Dicomano, un paesino nel bel mezzo della campagna fiorentina.

L’incontro con Gabriele, un ragazzo paraplegico, mette in discussione tutte le sue certezze. Da quel momento tutto sembra possibile, l’amore, una vita diversa e ricominciare a credere in un qualcosa di superiore, ad un futuro che si era preclusa tanto tempo fa.

Questa è la storia di Cassandra e Gabriele e del loro legame benedetto dal destino, una storia semplice, sui valori importanti della vita, sull’accettazione delle diversità e sull’amore, come unico “dono” da vivere pienamente e senza vergogna.

I MIEI PENSIERI

Il destino, le coincidenze, o come meglio preferite chiamarle, hanno fatto sì che qualche tempo fa, la mia strada incrociasse quella di Irene Catocci. Con molto entusiasmo ed altrettanta umiltà, mi ha proposto la lettura del suo primo libro. Credo di non farle un torto se oggi vi svelerò qualche aneddoto, sconosciuto ai più, riguardo il suo romanzo. L’autrice toscana, fino ad un anno fa, aveva sempre preferito imprimere ed esprimere le proprie emozioni sulla tela invece che sulla carta; come ha precisato lei, non ne aveva mai sentito il bisogno. Ma un incontro casuale, lo scorrere davanti agli occhi di una scena di tenerezza e puro amore, hanno fatto sì che in Irene nascesse un desiderio vivido, inspiegabile, quasi un bisogno impossibile da ignorare, di raccontare, a modo suo, la storia di quel ragazzo dagli occhi cristallini e magnetici e della ragazza che lo guardava ed adorava come se fosse il centro dell’universo intero. Così è nato Il Dono, il racconto dell’incontro di due anime, ferite ed imperfette, che hanno saputo vedersi nonostante il muro che le separava. Vi starete chiedendo, a questo punto, che cosa abbia questa storia di diverso dalle altre. In realtà, la risposta più logica ed istintiva sarebbe un semplice “niente”, perché l’amore è amore a prescindere da tutto, dal sesso, dalla razza, dalla posizione sociale, dai credo religiosi e da qualsiasi differenza che gli altri possano ritenere un ostacolo. Questo è il messaggio di Irene per i lettori: l’amore non ha barriere (solo quelle architettoniche purtroppo) e non ha sesso. Con molto tatto e senza cadere in una inutile pesantezza o atteggiamento compassionevole, l’ autrice ci narra l’emozionante storia tra Cassandra, giovane donna che per vivere lavora in un maneggio dove praticano ippoterapia, e Gabriele, un giovane professore universitario costretto, da qualche anno, su una sedia a rotelle a seguito di un terribile incidente d’auto. La scelta dei protagonisti da parte di Irene non è stata casuale; alcuni riferimenti alla vita di Cassy sono autobiografici: la passione ed il lavoro con i cavalli, accomuna l’autrice e la protagonista da lei creata. Anche il resto non è lasciato al caso; tutte le tematiche affrontate nel corso del libro, sono il manifesto del pensiero e dell’apertura mentale della Catocci, che ha deciso di presentarsi al pubblico e di farsi ricordare per la “scomodità” e l’impatto degli argomenti che ha trattato e che tratterà in futuro (mi raccomando non fatele sapere che ve l’ho detto 😉). Ho apprezzato molto la normalità della coppia, due comuni ragazzi, anche se di estrazione sociale differente, alle prese con i drammi di tutti i giorni, insomma, un’ordinaria coppia che sono sicura, dopo la lettura di questo libro, ognuna di noi cercherà guardandosi intorno e trovandola. Ma ancora di più ho apprezzato ed approvato l’approccio nel trattare la vicenda. Ogni pagina è assolutamente priva di ipocrisia ed Irene è stata ben attenta a non scadere in un dramma compassionevole. Certo i drammi ci sono come, in fondo, è normale che sia, ma non sono esasperati anzi, piuttosto, direi che sono funzionali alla storia ed usati con lungimiranza da un’autrice che, per essere al suo primo lavoro, ha già chiari in mente i suoi obiettivi futuri. Come detto, il protagonista è portatore di una disabilità e, l’incontro con Cassandra, fa emergere quelle paure ed insicurezze comprensibili per una persona nelle sue condizioni. Ecco in cosa è stata ancora brava l’autrice: non ci ha descritto una storia idilliaca o da film strappalacrime, anzi, ci ha reso partecipi di tutti i dubbi, le preoccupazioni e le difficoltà quotidiane della coppia e dei loro familiari ed amici, nell’affrontare una condizione fisica oggettivamente difficile. Encomiabile è stato, in tal senso, il lavoro di ricerca svolto per presentarci i fatti narrati in modo più veritiero possibile. Anche i personaggi che gravitano intorno a quelli principali sono degni di nota. Tra tutti spicca Damiano, il migliore amico gay di Cassy che, con i suoi problemi personali e la sofferenza arrecatagli dal suo orientamento sessuale, ahimè ancora difficile da accettare per molti, ha contribuito ad arricchire un romanzo già complesso e pieno di argomenti su cui riflettere. Ma di Damiano e della sua storia, parleremo quando sarà il momento perché so che, come me, molte di voi attendono con ansia il seguito de Il Dono che l’autrice ha volutamente concluso, anzi lasciato in sospeso, con colpi di scena ed interrogativi che, spero presto, saranno svelati. Auguro a questa promettente scrittrice di riuscire a perfezionare il suo stile per ora acerbo, di riuscire a snellire la narrazione di tutte quelle parti descrittive, secondo il mio gusto troppe, che la appesantiscono rendendo il ritmo narrativo a tratti lento. Ma, la semplicità dello stile e del linguaggio usato, non hanno minato la sostanza del romanzo e l’importanza dei messaggi in esso contenuti perché, in fondo, quando si parla di amore, qualsiasi tipo di amore, esso arriva sempre al cuore di chi legge a prescindere dalle parole o dalla forma usata.

A presto dalle vostre Pinkladies!

UNA BOULE DE NEIGE PER SAN VALENTINO di Samantha Lombardi

Avete presente quelle sfere natalizie con la neve dentro? Quelle che scatenano una pioggerellina di fiocchi candidi quando le scrollate?
Bene..ora immaginate di visualizzare al suo interno un pirata dagli occhi verdi e i capelli neri come la notte..imprigionato da una maledizione…

Il libro di cui voglio parlarvi oggi appartiene alla categoria Fantasy romance/ Erotic. Parto col dirvi che questa, per me, è stata “una prima volta” perché non ero amante del genere…almeno fino ad oggi!
Vediamo di cosa si tratta:

UNA BOULE DE NEIGE PER SAN VALENTINO

IMG_20170612_140647.jpg

Sinossi:
Patrick Duboiseiker, noto per la sua bellezza e l’alone di mistero che lo circonda, è uno dei più famosi Dreiker che abbia mai solcato i Sette Mari di Idirion.
Renèe Beumont è una giovane restauratrice, molto apprezzata nel suo ambiente, e specializzata nel recupero di oggetti esoterici ed oggetti medievali.
Le loro strade sono destinate ad incrociarsi magicamente, come i loro Mondi: distanti ma allo stesso tempo vicini.
Tra la passione che esplode sconvolgendo le loro vite e le incomprensioni che minacciano la loro storia appena nata, riusciranno a spezzare la maledizione che lega Patrick ad una delicata boule de neige?

received_10213314626929259

I MIEI PENSIERI

Appena cominciata la lettura di questo romanzo, non sapevo esattamente cosa aspettarmi. Abbiamo da una parte una nave pirata ed il suo capitano impegnato in una missione di carico e scarico merci, dall’altra, una ragazza con la passione per l’esoterismo, restauratrice di opere d’arte nella meravigliosa e suggestiva Parigi dei giorni d’oggi.

Il legame fra questi due personaggi lo si scopre ben presto, scorrendo le pagine di un libro carico di pathos e mistero.

Il bellissimo pirata Patrick, protagonista del racconto, è rinchiuso in una boule de neige che Renèe acquista in un negozio di souvenir… Grazie ad un evento fortuito e lo zampino degli Dei, i due hanno la possibilità di conoscersi ed innamorarsi perdutamente… fino al coronamento della loro Storia.

IMG_20170612_141208.jpg

Ho passato un paio d’ore in loro compagnia e devo ammettere che già mi mancano; questa lettura breve ma intensa mi ha regalato momenti bellissimi. L’autrice,che a mio dire scrive benissimo, ci propone un racconto che fila liscio come l’olio, attraverso momenti di autentico romanticismo, una dettagliata descrizione di scenari e storia dell’arte antica, un linguaggio efficace ed elegante. Non ci sono clamorosi colpi di scena, ma ho apprezzato la scelta di uno stile diretto, che colpisce al cuore.

Il finale lascia spazio ad un seguito che leggerò molto volentieri.

Ringrazio Samantha per avermi fatta entrare nel suo magico mondo e le auguro tanta fortuna per i prossimi lavori.

Buona lettura ladies😉

 

 

THE WALKER TRILOGY: UN CUORE DA SALVARE e UN CUORE DA CONQUISTARE di ELISA ARTEMIDE

Bentrovate divoratrici di libri!
Sicuramente molte di voi già stanno pensando alle tanto agognate vacanze e alle spiagge assolate della nostra bella Italia. Sapete già cosa mettere in valigia ma siete indecise o peggio ancora brancolate nel buio su cosa leggere sotto l’ombrellone? Ci pensiamo noi di Shadesallpink!!!! In attesa del terzo capitolo della The Walker Trilogy della brillante Elisa Artemide, dal titolo UN CUORE DA PROTEGGERE, vi faremo conoscere ed innamorare dei primi due fratelli Walker, due bad boys dal cuore tenero e carattere d’acciaio, disposti a tutto per la propria donna. Pronte per sospirare e fantasticare su Alex e Michael?! Siamo sicure che vi conquisteranno esattamente come hanno fatto con noi ed ognuna di voi, girata l’ultima pagina, correrà a cercare il proprio Walker a spasso per il mondo! Ah stavamo dimenticando una raccomandazione: consigliamo la lettura in spiaggia e bagni freddi all’occorrenza. Leggere per credere! 😉

UN CUORE DA SALVARE

FB_IMG_1497071324656

TRAMA:

Lui deve proteggere la sua vita.
Lei deve salvare il suo cuore.

Alex Walker non ha un motivo per cui vivere da quando sua moglie è stata uccisa. Solo l’affetto dei suoi fratelli lo ha salvato dall’abisso della disperazione e dal suicidio.
Elen Butler è una fotografa freelance che assiste involontariamente a un omicidio.
Quando chiede protezione ai fratelli Walker, rimane subito colpita da quell’uomo freddo e duro.
Riuscirà Elen a salvarsi dall’ira di un uomo potente che vuole la sua morte?
Ma soprattutto, riuscirà a conquistare il cuore dell’uomo che la protegge?

FB_IMG_1497071304794

I MIEI PENSIERI

Se penso a come descrivere in poche parole UN CUORE DA SALVARE, la scelta è semplice: un romanzo breve ma intenso. In poche pagine è concentrata una storia che racchiude un mondo di sentimenti, a volte contrastanti, e che rendono i protagonisti scelti dalla Artemide impossibili da mettere nel dimenticatoio. E forse, proprio per questo, non nego che mi sarebbe piaciuto uno sviluppo più ampio della trama ed uno studio della psicologia dei personaggi un po’ più approfondito, quel tanto che bastava a far sembrare meno frettolosa e più veritiera la storia, anche se la scelta del pov alternato ha un po’ smorzato tale mancanza. Detto ciò, il libro scritto da Elisa merita di essere letto. È una lettura veloce e che cattura la totale attenzione di chi legge; vuoi per la trama semplice ma efficace, vuoi per l’incastro perfetto tra i vari personaggi, non solo quelli principali, fatto sta che le pagine scorrono veloci, ritrovandoti all’epilogo senza quasi accorgertene. E poi che cosa dire dei due protagonisti che danno inizio alla trilogia?! Wow, fanno scintille e tra di loro ci sono veri e propri fuochi di artificio e la tensione sessuale si sprigiona dalle pagine, non appena posano gli occhi l’uno sull’altra. Non si può fare a meno di provare empatia nei loro confronti: entrambi hanno un passato doloroso alle spalle e che li lega, in maniera beffarda, da ancora prima di conoscersi. Inevitabilmente, i loro fardelli di sofferenza hanno aumentato le loro paure e fatto innalzare muri per proteggere i loro cuori. Ma nulla possono fare per frenare l’intervento del destino o per sviare la traiettoria della freccia scagliata da Cupido. Niente può arrestare un incontro/scontro deciso dal fato e, l’unica cosa che due caratteri e personalità forti come quelle di Alex ed Elen possono fare, è destarsi dal letargo cui avevano costretto i loro corpi, tornando così di nuovo a vivere salvandosi l’una con l’altro.

FB_IMG_1497071145182

❤❤❤

Lui è il mio nord e il mio sud, il mio oriente e il mio occidente. Non posso pretendere che si innamori di me in così poco tempo, ma saprò conquistare il suo cuore

❤❤❤
Concludo con una piccola nota dolente che, per onestà, non posso omettere. È un vero peccato che la lettura sia viziata da errori che penalizzano, secondo me, la qualità complessiva di un lavoro altrimenti molto valido.

UN CUORE DA CONQUISTARE

FB_IMG_1497071084812

TRAMA:

Lui deve conquistare di nuovo il suo cuore.
Lei dovrà cercare di perdonarlo.

Dopo due anni, Cate non è ancora riuscita a dimenticare il tradimento di Michael. La sua vita è stata sconvolta e niente sembra colmare il vuoto nel suo cuore.
La sua agenzia sembra andare a gonfie vele, finché non avvengono degli inspiegabili omicidi.
I suoi modelli vengono trovati uccisi e la colpa ricade su di lei. A Cate non resta altro da fare che rivolgersi all’uomo che l’ha fatta soffrire.
Riuscirà Michael a conquistare di nuovo il suo cuore e a proteggerla?
E Cate lo farà di nuovo entrare nel suo cuore?

IMG_20170610_070719.jpg

I MIEI PENSIERI

Io amo Michael Walker.

Potrei cominciare e finire così la mia recensione, perché in queste mie parole è racchiuso lo stato d’animo che ha suscitato in me questo libro.
Come si può, non amare un uomo che sbaglia, ma che non si arrende di fronte a nulla e a nessuno pur di riconquistare la sua donna?Personalmente, ho sempre pensato che, se mai mi fosse capitato di subire un tradimento, non sarei stata in grado di perdonare. Michael e Cate invece , ci dimostrano come l’amore vero sia più forte di ogni congettura! Questi fratelli esprimono a pieno i valori della famiglia, mettono le loro donne al primo posto nella scala delle priorità e ci insegnano che se una persona vuol davvero ottenere qualcosa, lotta con tutte le forze per ottenerla!

Elisa con il suo stile easy ed il linguaggio semplice è riuscita a catturare la mia attenzione pagina dopo pagina e..posso essere sincera? Di una cosa sono certa, in questi suoi romanzi si legge a chiare lettere la sua voglia di scrivere, la passione in quello che fa. Mi sembrava di essere con lei mentre digitava le parole sul computer, a sventolarmi con la mano durante le scene ultra hot e a ridere di gusto per i battibecchi fra fratelli. Per questo non mi sento di recriminare gli errori di battitura o qualche parola saltata, perché nonostante piccoli difetti di stesura questo libro, insieme al suo protagonista hanno preso un posticino nel mio cuore.

FB_IMG_1497071138744

Complimenti Elisa, aspettiamo impazienti LUKAS!

E a voi tutte buona lettura!

 

 

Eccomi qui,
A parlarvi della mia prima lettura m/m: “A nudo” di Manuela Chiarottino. Uscito a Marzo 2017, questo contemporary vi racconterà della dolcissima storia d’amore tra Alex e Niylon.
Un sentimento profondo legherà i protagonisti che dovrenno, tuttavia, affontare tante difficoltá per farlo sbocciare.
Vi ritroverete così su un set cinematografico, a sopportare i mille capricci della star Alex Bohlen, insieme al suo assistente Niylon. Il primo biondo capelli corti, il secondo lunghi e neri come la pece. Uno pagliaccio nato, l’altro serio per indole. Insicuro contro padrone di se stesso. E potrei continuare ancora per molto ad elencarvi le loro differenze ma preferisco lasciarvele scoprire.
Non preoccupatevi non sono così cattiva, vi darò qualche informazione in più ma prima date un’occhiata alla cover e alla trama.


A Nudo

A nudo di [Chiarottino, Manuela]

Trama:

Recitare, sorridere, dimenticare. Queste sono tre parole che Alex Bohlen ha imparato bene e, all’alba del suo nuovo film, sembra non esserci altro che questo mantra. E l’alcool: la panacea per tutti i suoi mali. Un passato da cancellare, un futuro ancora troppo nebuloso e una sessualità da tenere nascosta, per non perdere la fama ottenuta, sono tutto ciò che caratterizza la sua vita. Almeno finché non gli viene messo alle calcagna il giovane Niyol, assistente dalle origini navajo, assunto dal suo agente per non permettere ad Alex di eccedere nel bere e portare a termine le riprese del nuovo film.
Ma Niyol è troppo serio, troppo ligio al dovere: troppo bello. Una tentazione continua che rischia di far esplodere ogni sicurezza, ogni punto certo. Se un punto certo è mai esistito prima di lui…


I Miei Pensieri

Purtroppo il tempo da dedicare alla lettura è sempre troppo poco e la mia lista con i romanzi da leggere al più presto, aumenta senza mai diminuire. Così, ho iniziato questa lettura dopo averla rimandata per tanto tempo e ho fatto male credetemi, e alla fine capirete il perché.
“A nudo” è un romanzo capace di toccare tematiche come l’anoressia, le violenze psicologiche e fisiche, l’alcolismo e tante altre che non voglio anticiparvi, senza risultare pesante.
La cosa che ho apprezzato di più di questo libro sono i continui colpi di scena. È stato bello, infatti, leggere credendo di aver già capito la conclusione ed essere puntualmente smentita da avvenimenti inaspettati, fino all’ultimo capitolo ve lo assicuro.
I protagonisti, poi, sono spettacolari e sottolineo “spettacolari”.

 

Risultati immagini per chris hemsworth long hair

Alex è un attore famoso molto esuberante che ha il vizio di cacciarsi sempre nei guai. Ha i capelli biondi e gli occhi grigi che fanno cadere le donne (e non solo) ai suoi piedi. Può apparire infantile a causa dei suoi atteggiamenti da bambino viziato ma, in realtà, è il suo modo di nascondere le proprie emozioni a un mondo che gli sembra non accettarlo. Nasconde i suoi mille problemi dietro a falsi sorrisi da quando ha memoria e affoga i suoi ricordi tristi nell’alcol. Ha ormai toccato il fondo quando incontra Niylon, suo assistente personale che ha il compito assicurarsi che rispetti gli orari della produzione cinematografica e che non comprometta definitivamente la sua immagine. Alex ne rimarrà colpito dal primo istante ma tenterà in ogni modo di non lasciarsi coinvolgere da quell’uomo così serio e posato. Farà molti sbagli per colpa della sua paura di amare ed essere amato e soffrirà per averli commessi. La vita con lui è stata davvero dura e, nonostante abbia raggiunto la fama, non è mai stato capace di perdonarla, continuando a covare un rancore che lo consuma dentro.

Niylon, d’altro canto, combatterà con le unghie e con i denti per farsi spazio nel cuore dell’attore. È un uomo dai sani principi che sogna di fare il regista e che lotta per quello che desidera. Il caratteraccio di Alex lo ferirà spesso ma lui tenterà ogni volta di capirlo, di provare a leggere nei suoi occhi e di fidarsi del suo cuore che lo porta, inevitabilmente tra le sue braccia. Niylon ha una bellezza disarmante, fisica ma sopratutto spirituale. I capelli lunghi neri, gli occhi verdi leggermente a mandorla e, persino, la sua postura fiera richiamano le sue origini di nativo. E anche il suo modo di pensare è strettamente connesso alla cultura Navajo che lo rende austero e saggio. Vi confesso che questo personaggio mi ha entusiasmato parecchio con quei suoi atteggiamenti fuori dal comune e quella sua maturità innata. Forse è per questo che, durante la lettura, avrei voluto strangolare Alex ogni volta che faceva il duro con lui o quando sminuiva il loro amore; anche se, devo ammettere, che Niylon non aveva certo bisogno di essere difeso. Ha un modo tutto suo d’ imporsi e di far valere il suo pensiero che potrebbe farlo sembrare debole a primo impatto; tuttavia dopo i loro primi battibecchi, scoprirete il suo lato fiero e orgoglioso e cambierete opinione.
Tutte queste differenze tra i due renderanno difficoltosa la nascita della loro storia d’amore che, per questo, avverrà in modo graduale nonostante la forte attrazione che li unisce dall’inizio.
Troverete, inoltre, scene hot da togliere il fiato che amplificheranno, in maniera significativa, la bellezza della loro unione.

Un ottimo libro che leggerete in poco tempo. Se siete curiosi come me non riuscirete a smettere di farvi trasportare nel mondo di Alex e Niylon e scoprire come andrà a finire tra loro.
Piccolo difetto, oltre qualche errore di battitura, è il finale. Non che non sia bello intendiamoci, è solo che, secondo me, meritava qualche pagina in più.

A questo punto, avrete capito perché ho fatto male a rimandare questa lettura. Non fate il mio stesso errore e iniziatela immediatamente o ve ne pentirete!

Buona Lettura!

PinkLady


 

 

Segnalazione SCACCO MATTO Io ho scelto noi di Teresa Greco

Salve ladies!

Finalmente possiamo annunciare quest’uscita che ci sta particolarmente a cuore.. abbiamo finalmente una data:

Scacco Matto io ho scelto noi di Teresa Greco sequel di Sotto Scacco (che ha fatto già impazzire centinaia di lettrici) sarà disponibile su Amazon a partire da SABATO 10 GIUGNO!

Sinossi:

Dopo aver scoperto e conosciuto il lato oscuro di Alex, Nicole sceglie di seguire una strada parallela alla sua. Ormai concentrata sul suo tirocinio da psicologa, la Chess House diventa solo un lontano ricordo, ma nulla riesce a cancellare l’ex collega che le ha suscitato rabbia ed irrazionale passione. Dall’altro canto Alex prende la decisione di cercare un chiarimento con lei, abbandonando un incontro erotico con gli amici di Herbert Robinson. Lo sconsiderato gesto porterà a delle spiacevoli conseguenze, ma permetterà ai due di riavvicinarsi. Tutta la verità verrà a galla ed i problemi da affrontare non saranno pochi. Vittima di un “patto col Diavolo”, Alex cercherà di riguadagnare la sua libertà. Numerosi ostacoli si presenteranno lungo il cammino… ma un evento inaspettato porterà a stravolgere l’intera situazione. 

Riuscirà a germogliare il seme del vero amore, in un terreno di prostituzione, corruzione e violenza?
E Torre Nera, vincerà la sua partita?

Noi personalmente non siamo più nella pelle e facciamo un grande e caloroso in bocca al lupo a questa bravissima autrice e bellissima persona!

Prossimamente le riserveremo i nostri pensieri! Restate con noi😜

Presentazione GIADA e DANIEL  di GIOIA DE BONIS

Eccoci ancora con voi per presentarvi un altro romanzo fresco di uscita😁 

È la volta della dolcissima GIOIA DE BONIS  con GIADA E DANIEL per la quale va dato merito ad Irene per la splendida cover

SINOSSI: 

Quante volte ci siamo dette guardando la tv: “Che darei per incontrare quell’attore o quel cantante”? Ecco Giada ha questa fortuna! Quando conosce Daniel Matters non crede ai suoi occhi! Non è solo bellissimo (beh,quello era già abbastanza palese nella serie tv in cui lui recita, ALIENS IN TOWN) ma è anche gentile, dolce e così sexy che è difficile restare seria con lui…

Una storia d’amore piena di pathos che nasce quasi per caso… due mondi così distanti possono trovare un equilibrio? Una star può trovare in una fan l’amore della sua vita? 

Nelle sue 170 pagine al piccolissimo costo di 1,50 € siamo sicure, sia racchiusa una storia d’amore travolgente che vi terrà incollati alle sue pagine!

Di seguito qualche estratto.. Buona lettura!

❤❤❤

La sciarpa azzurra, che aveva messo per contrastare il leggero vento di quella mattina, volteggiava nell’aria.

Dannazione! Pensò quando la stoffa si slegò dal suo collo e volò via, finendo sulla faccia di un altro turista.

“Cazzo …” disse ad alta voce. “Scusi Scusi Scusi” urlò lei scendendo i gradini verso il ragazzo che si stava togliendo dal volto la sciarpa. Non può essere …

Giada spalancò gli occhi, non poteva crederci, davanti a lei c’erano 1.85 di italo-canadese, occhi verdi, capelli rossi e un sorriso da mozzare il fiato.

❤❤❤

“Sì, sto bene…” rispose cauta e poi aggiunse la domanda più cretina degli ultimi 50 anni. “Ma tu sei tu?”  

Lui la guardò sorridendo. “Credo di si!”

“Scusami…è che tu sei tu…e io, beh sono io…e oddio ho appena espresso un desiderio… Oddio, sei Daniel Matters …” e da brava imbecille iniziò ad iperventilare.

Bravissima Giada, così …

Lui la prese per le spalle e cercò di calmarla.

“Sì, sono io…ma adesso siediti o rischi di svenire…” 

❤❤❤

Pinkladies

Presentazione NOI -L’AMARA REALTÀ CHE CI DIVORA

Buongiorno Ladies 😉

Oggi giornata ricca per noi di Shadesallpink, perché diverse autrici ci hanno dato il meraviglioso compito di segnalare la nascita dei loro pargoli😍 e noi siamo qui per questo👏👏📚📚📚

Cominciamo alla grande con questo 4capitolo Dell’Alfieri Series scritta da Lucia Tommasi, pubblicato il 29 Maggio 

NOI – L’AMARA REALTÀ CHE CI DIVORA

Appartenente al genere dark romance erotic che a noi piace moltissimo regalerà ai lettori momenti di pura adrenalina, non so voi..ma io adoro questa cover 😍

Vediamo di cosa si tratta: 

Descrizione

Tutti i nodi vengono al pettine. Le bugie e le dilanianti verità nascoste da troppo tempo esplodono violentemente in un putiferio assurdo, trascinando con se Michele, facendogli perdere quel poco di felicità che possiede. Un brutto malinteso le fa perdere Serena e farà di tutto per riprendersela di nuovo. Miriam ci mette lo zampino, distruggendo del tutto quello che rimane di Michele e della sua anima.

Della stessa serie:

#1 Noi – Come tutto ha inizio

#2 Noi – Per ogni tua maledetta bugia

#3 Noi – Fuori controllo 

Disponibile su amazon, vi lasciamo il link di acquisto e qualche estratto😜 per incuriosirvi un po’👏

https://www.amazon.it/gp/aw/d/B072JFDD4J/ref=mp_s_a_1_5?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85Z%C3%95%C3%91&qid=1496079896&sr=1-5&pi=AC_SX236_SY340_FMwebp_QL65&keywords=lucia+tommasi&dpPl=1&dpID=51qzwq7gbFL&ref=plSrch


❤❤❤


Non me la scopo se non lo dice, è un mio 

divertimento sentirmelo dire, ma è anche un consenso. Non 

voglio violentare nessuno.

<<Ok>> Mi allontano di un passo da lei, le mie mani sono 

alzate. <<Non voglio obbligarti a fare niente che non vuoi>> So 

che facendo così lei mi salterà addosso. L’ho portata al limite 

è solo questione di tempo.

Ansima piano, sembra delusa della mia decisione ed è quello 

che voglio.

<<E’ la mia migliore amica, non potrei mai farle del male>> 

Merda! Forse non l’ho fatta riscaldare bene.

Arriccio la fronte. E adesso?

Mi viene incontro e mi bacia ardentemente. Evviva!!!

La sbatto contro il muro, non ho tempo da perdere, voglio 

andare a divertirmi stasera quindi devo fare in fretta.

Le sfilo le mutandine e le infilo nella mia tasca, quella sarà la 

prova schiacciante che le dividerà per sempre.

Afferro la bustina del condom, la strappo con i denti e lo 

indosso velocemente. Le alzo una gamba, per fortuna ha il 

vestito, con i pantaloni sarebbe stato parecchio difficile.

Entro dentro di lei quasi a fatica, è strettissima, ma 

finalmente ci riesco. Inizio a darle delle spinte rigorose, così 

da finire il prima possibile.

Anche se devo dire che non mi dispiace più di tanto, se non 

fosse che è una stronza. Ricordo che mi ha fatto perdere la 

scopata con Ludmilla e le mie spinte diventano più 

animalesche.

Fuori nevica, non so a quanti gradi siamo, ma noi siamo 

sudati, ho caldo. Sarà l’alcol o la scopata, ma mi sto 

squagliando!

Ci sono quasi, il brivido famigliare prende il sopravvento su di 

me e finalmente vengo.

Siamo sfiniti, immobili e chissà dopo quanto tempo i nostri 

respiri iniziano a calmarsi e anche i battiti del mio cuore. 

Qualche volta credo che mi verrà un infarto.

Esco da lei, sono silenzioso e non mi sento per niente una 

merda. Sfilo il preservativo e lo butto nel cestino. Chiudo la 

zip dei jeans, vado a lavarmi le mani.

Lei è ancora con le spalle al muro, sembra stordita.

<<Tutto bene?>> Annuisce. <<Bene, ci vediamo>> Sto per 

uscire quando il mio cellulare vibra nella tasca, chi cazzo è?

“Miriam”

Che cazzo vuole? <<Che c’è?>> Dico duro, la sento ansimare.

La sua voce sembra affannata. <<Michele?>> Che cazzo 

succede? <<Sto andando in ospedale, si sono rotte le acque>> 

<<Scusami?>> Oh mio Dio! Sto per diventare padre? No! E’ 

troppo presto, no! Mi passo una mano sul viso.

<<Muoviti, vieni subito!>> Mio Dio! Vorrei scappare il più 

lontano possibile da Berlino. Non posso diventare padre così, 

senza preavviso. La mano mi scivola sulla bocca. È un incubo!

Il cellulare quasi mi cade dalle mani. Riattacco e lo rimetto in 

tasca, sono sconvolto.

Ho avuto nove mesi per prepararmi, ma non ci sono riuscito. E’ 

troppo tutto questo per me.

<<Che succede?>> Domanda preoccupata Lydia.

<<Miriam è in ospedale>>

<<Cosa? Sta nascendo la bambina?>> Annuisco, non riesco 

più a parlare. <<Oddio, dobbiamo andare subito>>

Raggiungo l’ospedale. Lydia e John sono con la loro macchina 

dietro di me.

Entro nella stanza e la vedo con un sorriso enorme, mentre 

tiene fra le braccia mia figlia. Oh Dio! Sto impazzendo. E non 

di gioia.

Ho il fiatone, ho fatto quattro piani a piedi e di corsa. Non 

potevo prendere l’ascensore, stare fermo lì dentro mi avrebbe 

ucciso.

<<Ha il tuo naso!>> Miriam è bellissima ed è felicissima. 

<<Avvicinati>> Mi dice.

Cerco di dare il comando alle mie gambe di muoversi e 

finalmente dopo un’eternità ci riesco e mi avvicino a lei 

lentamente.

E’ una bambina bellissima, ha pochi capelli, sono rossi come 

quelli di Miriam. Il suo viso è rosa e tondo, è dolcissima.

Sono confuso. Questa bambina è mia figlia! L’ho fatta io! Come 

diavolo è possibile?

<<Che c’è?>> Miriam diventa seria. <<Che succede?>>

Ondeggio la testa. <<Niente>> Non riesco a staccare gli occhi 

da quell’esserino rosa. <<E’ solo che è stato inaspettato>>


Sono passati cinque giorni, Miriam sembra non aver partorito 

affatto, è tornata a correre per casa e a fare le cose che 

faceva prima.

Sono immobile davanti all’ovetto, dove dorme la bambina. 

Miriam ha insistito per chiamarla Michelle e io gliel’ho lasciato 

fare. 

Sono nel panico. Non parlo da due giorni, a parte rispondere 

obbligatoriamente quando sono costretto. Ho mangiato 

soltanto un panino in questi due giorni, non ho neppure fame. 

Mi sento frastornato.

Suonano alla porta, Miriam va ad aprire. <<Ciao tesoro>> 

Sento che si baciano, io sono di spalle, non mi scomodo 

neanche a salutare quella strega di Lydia. Adesso dovrò anche 

averla fra i piedi. Prima o poi dovrò dire a Miriam della scopata 

che mi sono fatto con Lydia. Non la vedo da quella sera in 

ospedale. Probabilmente si sente in colpa. Se questo può 

tenerla lontana da questa casa allora sono tranquillo, anche 

se adesso è qui a rompere.

Vado a sedermi sul divano, incrocio i piedi sul tavolino basso 

e passo il mio tempo con il cellulare.

<<Michele io esco a comprare le cose che servono alla 

bambina, visto che tu ti sei rifiutato>> Che bello, allora è per 

quello che è arrivata la strega. Vanno via! Si!

Aspetta! La bambina?

<<La bambina te la porti, vero?>>

<<No! Non posso. Controllala tu io torno tra poco>>

Mi alzo in piedi. <<Non puoi lasciarmi la bambina.>>

<<E’ anche tua figlia!>>

<<Una scopata fatta senza cervello non mi rende padre!>> 

Sono duro, ma sono molto nervoso.

<<Farò finta di non aver sentito quello che hai appena detto.>> 

Sospira. <<Mi servono i soldi>>

<<Sai già dove sono, prendi quelli che ti servono>> Mi rimetto 

a sedere, sono davvero un cazzone. Per quanto la tratti di 

merda credo che lei non mi lascerà mai. Perché mi ama 

davvero tanto.

<<Che cazzo sono queste?>> Alzo lo sguardo, ha gli occhi fuori 

dalle orbite e tiene fra il pollice e l’indice un perizoma viola. 

Devo rimangiarmi il discorso che non mi lascerà mai. Guardo 

sopra la sua spalla. Lydia è mortificata, visto che il perizoma è 

suo.

<<Un perizoma, non lo vedi?>>

<<Stai scherzando?>> Alza la voce. <<Di chi cazzo è? Con chi 

cazzo sei stato?>> I suoi occhi sono velati di lacrime, mentre 

la bambina inizia a piangere.

Fisso Lydia. <<Perché non lo chiedi a lei?>> Lydia apre la 

bocca sbalordita, non si aspettava che avrei parlato.

Miriam si volta. <<Che c’entri tu?>> Lydia alza le spalle, non 

sa che dire ed è mortificata come non mai. <<Lydia? Parla! 

Che c’entri tu?>> Miriam si volta verso di me. <<Michele?>>

Grida. <<Qualcuno vuole dirmi qualcosa?>>

<<E’ suo! Prima di infilarglielo dentro le ho tolto il perizoma e 

l’ho infilato nei miei jeans>> 

Gli occhi le strabuzzano fuori, la bocca è spalancata. Si volta 

verso Lydia. <<E’ vero?>>

Lydia sta per piangere. <<Io non volevo, è stato lui>>

<<Io?>> Mi indico, attirando l’attenzione delle due. <<Se per te 

opporsi è gridare di piacere e infilarmi le unghia nella schiena 

allora scusa. Se mi tolgo la maglia ho ancora i tuoi graffi sulla 

schiena>>.

IL RISVEGLIO DAL PECCATO DI ELENA ROSE

Eccoci ancora qui care/i pinkfriends a parlarvi di una nuova storia. Qualche giorno fa vi avevamo annunciato l’uscita dell’ultimo lavoro della nostra, ormai amica, Elena Rose. Ve lo avevamo presentato come un romanzo fuori dai soliti schemi, dove il potere non avrebbe indossato i pantaloni ma calzato un bel paio di tacchi a spillo capaci di calpestare ogni ostacolo frapposto sulla sua strada. Una protagonista dal carattere forte dunque, ed un solo uomo che avrà il coraggio, la perseveranza e la capacità di andare oltre le apparenze per starle accanto, anzi, per conquistarsi il suo posto accanto a lei. Vi ho incuriosito vero?! Allora scopriamo qualcosa in più di questo romanzo che ci aveva colpito per essere così controtendenza.

TRAMA

Sofia Vespucci, temuta imprenditrice di yatch sontuosi, vive nel lusso più sfrenato nella bellissima isola di Ibiza, a Cala Tarida di preciso.
I suoi eccessi, l’odio perenne per gli altri e per se stessa, la conducono quasi di fronte alla morte. Un incidente stradale grave la porta in coma per molto tempo. Al suo risveglio però si ritrova in un mondo nuovo: le medicine le hanno cancellato la memoria facendola tornare a essere una Sofia più vera.
I ricordi però riaffiorano come lame taglienti.
Quel passato pesa più di un macigno.
Al suo fianco, da ben nove anni, c’è Miguel: Un giovane avvocato di Madrid che esaudisce ogni suo capriccio.
Dopo l’incidente, Sofia si rende conto di vederlo con occhi diversi.
L’OSSESSIONE per lui diventa INCONTENIBILE.
Può davvero un animo così forte e autoritario capovolgere la sua vita?
E Miguel saprà amare un DIAVOLO su TACCHI A SPILLO?

I MIEI PENSIERI

Vi confesso che avevo molte aspettative riguardo questo libro perché quando conosci già le altre opere e le potenzialità di una scrittrice, in qualche modo tifi per lei e le auguri di crescere e fare sempre meglio. Quindi è molto appagante ritrovarsi di fronte a delle pagine scritte con una consapevole padronanza di linguaggio (a parte qualche errore che l’autrice si è adoperata mortificata a correggere), dove ogni parola è pensata e studiata per descrivere le scene in modo dettagliato quasi a volere far sentire il lettore parte delle scene stesse. Beh, l’espressività del linguaggio tiene incollati alle pagine pur trovandoci di fronte ad una storia dalla trama tutto sommato lineare e senza grandi sconvolgimenti o colpi di scena. Inoltre ad Elena Rose va dato il merito di aver descritto, anzi fatto vedere, molte scene erotiche dettagliate ma mai volgari.

La protagonista femminile, Sofia, è una donna che, a seguito di un incidente, ha una sorta di illuminazione ed ora è in cerca di redenzione al punto di arrivare a mettere in discussione tutta la sua vita, tormentata dai rimorsi che la fanno sentire un mostro.

Ci troviamo di fronte ad una donna che è stanca di essere e di sentirsi sbagliata ma, in realtà, si capisce fin dalle prime battute, che il suo smarrimento cela un carattere che smania di venire alla luce. Sofia può essere tutto ma soprattutto è forte, autoritaria e padrona di se stessa e degli altri, una donna che non contempla la sconfitta, potente e vendicativa: in vero demonio insomma. La sua controparte è Miguel, un uomo che all’inizio del racconto ho fatto fatica a inquadrare in quanto personaggio molto enigmatico, di poche parole e a tratti scostante come la sua “avversaria”. Non riuscivo a capacitarmi sulle prime del fatto che un uomo così risoluto, si lasciasse soggiogare e manipolare da un amore tanto malato, così simile al possesso o ad una dipendenza come quello che Sofia prova nei suoi confronti. In realtà anche Miguel ha un carattere forte ed in grado di pareggiare quello della sua amata, solo è più bravo a controllarlo. E piano piano non puoi fare a meno di ammirare quest’uomo che, come dice la sua Sofia, è in grado di trasformare il male che lei ha dentro di sé in amore. Il bel spagnolo mi ha stupita e colpita per la sua stoicità e perseveranza; ha affrontato il viaggio verso la rinascita della sua donna con lei e sofferto con e più di lei ed oltre ai familiari, è l’unico ad accettarla per quella che è, pregi e soprattutto difetti compresi. E cos’è questo se non il senso più profondo dell’amore?!

Ecco cos’altro ho apprezzato di questo libro: il pov esclusivamente femminile, ai miei occhi, lo ha quasi trasformato in un romanzo “di formazione”, un lungo percorso introspettivo della protagonista verso la sua redenzione ed assieme a lei mi sono arrabbiata, commossa ed interrogata. L’autrice è stata altrettanto brava a costruire un contorno di personaggi che hanno reso la storia più ricca di eventi e sentimenti. Quindi ora concludo chiedendo ad Elena Rose: a quando un libro su Andrea?!  Noi lo aspettiamo!!!